domenica 11 novembre 2018

Aspettando di onorare i nostri caduti in guerra...


MESSIGNADI nel tempo, è profondamente grato al dott. Domenicantonio Corrone per l'impegno che ha intrapreso alla ricostruzione della lapide (storica) dedicata ai caduti della Prima Guerra Mondiale del 1915-18. Siamo commossi e lieti che il lavoro iniziato qualche anno fa con molta difficoltà e con determinazione dal compianto comm. Filippo Tucci finalmente si sta realizzando concretamente. I concittadini messignadesi sono tanto orgogliosi dei loro valorosi eroi che hanno immolato la loro giovane vita per la nostra amata Patria.

GIUSEPPINA CONDELLO TUCCI

giovedì 11 ottobre 2018

Dedicato a Stefano Scullino


MESSIGNADI nel tempo ricorda Stefano

Stefano uomo di altri tempi, signore gioviale e pieno di humor, gentile, lavoratore ed onesto. Ti ricordiamo con affetto, hai combattuto la malattia con la tua forte voglia di vivere. Ti rivedo ancora seduto nella tua seggiola accanto alla porta, ciao vecchia colonna portante della Figurella, oggi ci hai lasciati e un pezzo di storia anche con te se n'è andato. Noi ti salutiamo Stefano e il tuo ricordo rimane sempre nel cuore di chi ti ha voluto bene e stimato. MESSIGNADI nel tempo.

GIUSEPPINA CONDELLO TUCCI

venerdì 31 agosto 2018

Dedicato alla Madonna di Polsi (di Michele Brancati)


O’ chi facimu, partimu ?
Cusì ncigna a matina du trentunu;
sta frasi e sti paroli su nta vucca i tutti,
A ogni Messignadotu nci senti ripetiri, puru se pigghjiatu a unu a unu.
A preparazioni però parti i cchjiù luntanu,
forzi i dopu ferragustu;
Si sentunu i canzuni, e i giuvanotti cu muccaturi a manu…
spettanu u partinu sulu u mumentu giustu.
Cusì dopu da missa e da benedizioni,
ndi votamu u zainu n’codu cu na spinta
e nd’ avviamu tutti quanti in processioni
fujiendu pe da basciu a timpa.
A fini du rosariu di nostri vecchjiareri,
ntinnanu quattru noti d’organettu;
iamunindi figghjioli ndi spettanu i senteri,
rriva puru cacchi foresteru, portandu sempri massimu rispettu.
Partimu,
e a luci ndi schjiarisci a via;
Non ndi cuntamu chjiù i quantu simu,
stanotti non ndavi differenzi, si staci tutti in cumpagnia.
Non passa tantu tempu,
e già rrivammu a Priminoru;
cacchidunu già camina a stentu,
cu poti gisci e so niputi e figghji e puru e soru.
A passu a passu trasimmu nta muntagna,
pregandu rridendu e parlandu o spissu;
forzi nc’è puru cu si spagna,
Intantu ndi dassamu arretu u crucifissu.
A Madonna voli fedi e u nci laprimu u cori,
intra i nui pregamu puru o Bambinu;
si faci sentiri a stanchizza, da fatica pari ca voi u mori…
ssettamundi e pizziculiamu nu paninu.
Nta stu mentri cumincia ad arburiari,
e i figghjioli nescinu da tana;
non resistinu, ndannu e caminari
e calinu di machini arretu a carovana.
Ora però veni u pezzu cchjiù bruttu,
Na nchjianata e na calata ndi separa;
u caminu oramai l’avimu e finiri tuttu,
coraggiu cotrareri, rrivammu a toppa e cumincia a cerasara.
Ognunu i nui cumincia a penzari,
A Madonna ndi staci guardandu a tiru;
non ndi potimu cchiù fermari,
mancu ora chi ogni passu ssumigghjia a nu suspiru.
I fimmini a scaza sunnu quasi struggiuti,
non hannu forza mancu pe rijhatari;
ma a Madonna chi nci duna vuci e muti,
ndi spetta a vrazza aperti nd’all’ artari.
Ormai manca pocu e nenti,
u cantu i l’acqua si faci sempri cchjiù forti;
si rizza u pilu battunu i mani i genti,
passammu a hjiumara lapritindi li porti.
Avanti a tutti n’organettu, a cerameda e u nostru stendardu,
Tutti quanti ntonamu na canzuna.
A madonna a tutti cummogghjia cu so sguardu,
Non c’esti petra chi non ciangi mancu se piggjiata a una a una.
Rrivammu a lu cospettu da regina,
ndi battunu i mani i Santulucoti;
u cori non ndavi cchjiù mancu na spina,
avazi a porta fermanu l’atri Messignadoti.
Ndi nginocchjiamu davanti all’ artari,
ognunu cu guti, intenzioni e sentimenti;
ndi ricordamu i l’amici (vicini e luntani) pari pari
e non ndi sperdimu certu di parenti.
I sonaturi finiscinu i cantari,
Ndi liberannu i vanchi u ndi ssettamu dà vicinu;
Cu spetta a missa cu si ndavi e cumpessari,
Finalmenti rrivammu dopu dudici uri di caminu.
A festa finisci pe cu faci già ritornu,
nc’è però cu dormi nda di chjiani;
a madonna a nudu nci faci scornu,
e ndi manteni a tutti quanti sani.
Pe chista tradizioni, chi ndi teni sempri cchiù ncatinati…
Centu canti, deci pinni e milli libri ancora volia
Ma a nui…zoppi, poveri e sciancati
Ndi basta nu sulu gridu: Ora e sempri, VIVA MARIA!
MICHELE BRANCATI

sabato 23 giugno 2018

Brevi cenni storici sulle Casse Rurali di Messignadi e Oppido Mamertina


BREVI CENNI STORICI SULLE CASSE DI RISPARMIO DI MESSIGNADI E OPPIDO MAMERTINA

Da una ricerca storica fatta da “MESSIGNADI nel tempo”, è stato trovato un articolo di Santo Rullo di qualche anno fa pubblicato dal giornale “Calabria Sconosciuta” riguardante Oppido Mamertina e Messignadi nel periodo risalente agli anni 1901-1902. Secondo tale scritto, la crisi economica di quei tempi interessò la Calabria per la scarsità dei suoi prodotti agricoli e le languenti attività commerciali. L'inizio del secolo invece sembrò portare serenità anche ai lavoratori dei campi calabresi. In Oppido Mamertina sorse una “società operaia” che accolse tra i suoi membri anche i contadini e nullatenenti in uno spirito di fraterna solidarietà. Ad essa venne aggregata una “cooperativa di consumo” a sollievo degli associati che versavano in particolari ristrettezze. Il 12 novembre 1902 fu istituita una “Cassa Rurale” la seconda nell'oppidese e anche nel territorio, dopo quella eretta in MESSIGNADI dall'arciprete Alfonso Lando nel 1897. La cassa rurale dava la possibilità ai contadini di porre al sicuro i loro risparmi personali e le rimesse degli emigranti. Essa accettava infatti soltanto somme versate da “cittadini italiani appartenenti al ceto dei contadini” e solo ad essi concedeva prestiti al cinque per cento.
GIUSEPPINA CONDELLO TUCCI

lunedì 23 aprile 2018

Nunzia Andronaco

Nunzia, una ragazza molto modesta cresciuta a Messignadi con sani principi di vita, uno splendido esempio per la comunità. Io la ricordo con affetto, ciao cara Nunzia ci mancherà a tutti il tuo sorriso che ogni volta si stampava sul tuo volto e la tua gentilezza innata verso ognuno di noi.
GIUSEPPINA CONDELLO TUCCI